“In India la civilizzazione nacque nel cuore delle foreste e ricevette da questa origine e da questo ambiente un carattere particolare. Circondati dalla natura viva, cibati e vestiti da lei, noi abbiamo conservato con i suoi diversi aspetti un commercio stretto e costante.
Potremmo pensare che tale vita dura dovesse avere come effetto quello di smorzare l’intelligenza umana, di abbassare il livello di esistenza e di fiaccare così tutto quello che ci spinge verso il progresso. Nell’India antica eppure, constatiamo che le condizioni di vita nella foresta non trionfarono sull’intelligenza umana e neppure diminuirono l’energia dell’uomo, ma gli diedero un’orientazione speciale. Continuamente in contatto con la vita e con la crescita della natura, l’uomo non provava nessun desiderio di espandere il suo dominio, ne di costruire dei muri attorno a ciò che aveva acquisito. Il suo obiettivo non era di ammassare, ma di “realizzare”, di ampliare la sua conoscenza, crescendo nel suo stesso ambiente e penetrandolo sempre più profondamente. L’essere umano sentiva che la verità deve abbracciare tutto, che nella vita l’isolamento assoluto è impossibile, e che il solo modo di arrivare alla verità è di divenire uno (amalgamarsi) con tutto ciò che esiste. Realizzare questa vasta armonia tra lo spirito dell’uomo e lo spirito dell’universo era nell’India antica l’obiettivo dei saggi che abitavano le foreste.”

Rabindranāth Tagore, Sādhanā, Edizioni Albin Michel – Spiritualités vivantes

 

Date dei prossimi seminari

19/12/2020
19-20 dicembre Parigi

Lo yoga è morto, viva lo yoga.

06/02/2021
6-7 FEBBRAIO PARIGI

LO YOGA è MORTO, VIVA LO YOGA.

20/02/2021
20 FEBBRAIO GENOVA

LO YOGA è MORTO, VIVA LO YOGA.

10/04/2021
10-11 APRILE ETIVAL

LO YOGA è MORTO, VIVA LO YOGA.

15/05/2021
15-16 MAGGIO BESANCON

LO YOGA è MORTO, VIVA LO YOGA.

22/05/2021
22-23 MAGGIO PARIGI

LO YOGA è MORTO, VIVA LO YOGA.

C. F. : 90061240082
cookie policy
Privacy Policy